|| Expat-Life || || How to || Di App, Smartphone e dintorni

pubblicato in: Expat-Life, Germany | 0
La maggior parte di noi, ormai, possiede uno di quegli affascinanti aggeggi chiamati Smartphone, croce e delizia dell’essere umano moderno. Inutile negarlo: il 70% del nostro tempo spesso lo trascorriamo con le dita sul touch-screen, cercando questa o quella cosa, mandando selfies ad amici e parenti oppure semplicemente controllando di non esserci persi per l’ennesima volta.
Se usati con la giusta dose di discernimento, questi aggeggini si possono rivelare preziosi alleati e hanno la capacità di rendere il nostro quotidiano meno stressante e un po’ meno disorganizzato.
NOTA BENE! Le App riportate qui di sotto sono quelle che io uso maggiormente, sono tutte gratuite e nel consigliarle a voi non ci ricavo un benemerito. Il che significa anche che lo faccio proprio perché meritano. 😉
Google-Maps. Soprattutto i primi giorni perdere l’orientamento e finire da tutt’altra parte rispetto alla destinazione che ci eravamo prefissati è normale. In qualche modo, suppongo sia persino necessario al nostro processo di adattamento. In ogni caso, onde rischiare di arrivare in ritardo ad appuntamenti importanti (lavoro, medico, comune, dentista…) Google-Maps può rivelarsi un ottimo alleato. Soprattutto se non ve la sentite ancora di parlare la lingua del luogo e/o chiedere informazioni vi imbarazza. Una buona alternativa se vi capita di dovervi muovere in automobile e non avete un navigatore satellitare a disposizione può essere Waze, l’unica app in grado di far tornare i miei genitori sani e salvi in Italia senza dover chiedere indicazioni a gesti. Il che – fidatevi – non è poco, vista la bizzarra tendenza a perdersi dei due signori di mezz’età in questione.
DB. La Deutsche Bahn (ossia il corrispondente tedesco di Trenitalia) ha un’App che permette di vedere gli orari dei treni e di controllare in tempo reale eventuali ritardi. Parimenti, è possibile acquistare i biglietti on-line e caricarli sull’applicazione utilizzando solo il numero di prenotazione (o acquistarli direttamente tramite l’App), senza dover quindi stampare biglietti su biglietti. Inoltre, è possibile trovare informazioni relative ai trasporti pubblici cittadini, non fosse prevista un’App quale ad esempio BVG-Fahrinfo (per Berlino) e HVV (per Amburgo).
Busradar. Della serie “Ma dove credi di andartene sempre?!”. Busradar è un’App disponibile sullo store Apple italiano che permette di trovare soluzioni di viaggio. Non vi troverete solo gli autobus per le lunghe tratte (detti anche Fernbus) ma – impostando l’applicazione correttamente – anche i treni (regionali e ad alta velocità o ICE) e i passaggi in auto (chiamati Mitfahrgelegenheit). Li potrete ordinare per orario, prezzo o velocità di percorrenza e – credetemi – pianificare una giornata fuori città si rivelerà un gioco da ragazzi. Parimenti è utile tenere a portata di mano l’applicazione per Fernbus/Flixbus, dove controllare i propri viaggi e prenotare eventuali biglietti.
Evernote. Okay, ammettiamolo: tutti conoscono questa App ma quanti la usano a dovere? Insomma, si possono creare liste (alcune delle mie sono “To Do”, “Spesa Supermercato”, “Spesa DM”, “Meal-Prep”), aggiungere note, promemoria, fotografie di prodotti che dobbiamo acquistare, stilare budget… le possibilità sono infinite! Il tutto può persino essere sincronizzato col proprio calendario. Insomma, una vera a propria agenda a portata di clic. Pure se alcuni brontosauri (*cough* come me *cough*) hanno sempre entrambe a portata di mano.
Banking-App. La maggior parte delle banche o degli istituti di credito ha ormai un’App, oltre all’ormai quasi desueto On-Line Banking. Perchè averle entrambe? Controllare l’arrivo dello stipendio, versare denaro su un libretto di risparmio, pagare l’affitto all’ultimo perché vi siete dimenticati di farlo prima (*cough*), assicurarvi la nuova commessa del negozio XY non abbia fatto pasticci col vostro pagamento… le vostre opzioni sono infinite. Personalmente lo uso anche per pianificare il mio budget mensile e viaggi vari ed eventuali. Avere le informazioni a portata di mano è anche un buon modo per non eccedere in shopping poco necessario e – parimenti – tenere a freno l’ansia da “oddio che ne è stato del mio florido conto in banca?!”.
E voi? Quali sono le App senza le quali il vostro espatrio sarebbe decisamente più complesso? 
Piccola nota di servizio: mi sono finalmente decisa ad aprire una pagina Facebook che ospiterà i contenuti di Hopeless Wanderer, magari qualche foto random e qualche articolo interessante. Che ne dite di cliccare “Mi piace”? 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.