Expedition Happiness, ossia la felicità inaspettata

Expedition happiness: alla ricerca della felicità

Expedition Happiness è un film-documentario del 2017, prodotto dallo stesso autore di Pedal the world. Una volta sistematosi a Berlino con la fidanzata ed un adorabile cagnolone, il giovane Felix pare trovarsi nuovamente “incastrato” in una routine e/o un modello di vita incapaci di stimolarlo o di renderlo felice. Per questo, i due decidono di acquistare uno scuolabus in America e mettersi in viaggio: dagli Stati Unti, passando per il Canada sino all’Alaska e poi, dirigendosi a Sud, sino in Messico. Tutto questo, ovviamente, in compagnia del loro adorabile animale da compagnia.

 

alaska-expedition-happiness

 

“Expedition happiness” non è un film á la “molla tutto e parti”, né di un elogio al nomadismo. Ciò che spinge questa giovane coppia tedesca a partire è la necessità di trovare qualcosa che li renda veramente felici. Insomma: questo, oltre all’estrema trasparenza che permea le riprese e le impressioni dei protagonisti, me lo ha fatto apprezzare tantissimo. Non ci sono solo, infatti, le riprese dei magnifici luoghi che hanno visto o delle albe in Alaska, quanto anche i resoconti delle magagne burocratiche, le disavventure veterinarie e la rabbia pura e semplice di fronte a impiegati dell’ambasciata spesso un po’ incompetenti. 

L’onestà di Expedition Happiness

Come ben sappiamo, di film di viaggio ne esistono a bizzeffe, alcuni dei quali persino un po’ discutibili. Credo che la differenza, in questo caso, la faccia l’onestà con la quale la risposta alla domanda “Cosa ci rende felici?” viene cercata e, quando questa non corrisponde più con la scoperta di angoli di mondo, ricercata altrove: ironia della sorte, a casa. Expedition happiness è un viaggio che ha un inizio e una fine, la cui risposta potrebbe stupire qualcuno e far sbuffare qualche altro spettatore ma che, alla fine, rimane il responso più onesto alla domanda più antica e complessa di tutte: cosa ci rende davvero felici? Forse il viaggio, forse lo stare fermi, forse la famiglia o gli amici, forse la solitudine. In ogni caso, come dimostra questo documentario, porsi la domanda e cercare la nostra risposta può regalare sorprese e riflessioni inaspettate. Buona visione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.