|How to| Il volo perfetto in cinque mosse

pubblicato in: Travel | 0

Viaggiare fa parte del quotidiano di quasi tutti. Se sino a vent’anni fa intraprendere un viaggio era considerato una specie di lusso da relegare a un’occasione particolare (ferie, anniversari, viaggio di nozze..), ora quasi tutte le persone, infatti, viaggiano per brevi e lunghi periodi di tempo e lo fanno più volte l’anno. 

Se da un lato l’abbassamento dei prezzi, ad esempio, dei voli ha permesso ad una porzione maggiore di persone di mettersi un viaggio, dall’altro  questo abbassamento ha portato ad un livello di comodità leggermente decrescente che (se affrontato in maniera sbagliata) può rendere anche la tratta più breve un incubo interminabile. 
Ecco, quindi, le cinque cose che potranno rendere il vostro viaggio più gradevole.

1- POWERBANK 
Ormai (quasi) tutti ne abbiamo (almeno) una. È piccola, pesa poco e ci permette di ricaricare i nostri dispositivi elettronici senza aver necessariamente bisogno di  corrente elettrica. Averla in borsa o nello zaino mi ha permesso di affrontare piccole e grandi crisi quotidiane con un’arma in più. Un piccolo gioiellino che, soprattutto durante voli di durata medio-lunga, ci permetterà di ricaricare la batteria dei nostri Kindle e dei nostri smartphone senza colpo ferire.


2- UNA BOTTIGLIA DI ACQUA 
Ammettiamolo: i prezzi medi per una bottiglietta d’acqua in aeroporto (e spesso anche in stazione) sono ridicoli. Se si aggiunge il fatto comprare continuamente bottiglie e bottigliette contribuisca ad un consumo di plastica pro capite esorbitante, il gioco è presto fatto. Qualche mese fa ho acquistato questa bottiglia in alluminio, dopo aver tentato con quelle in plastica rigida (che perdevano periodicamente il gommino del tappo), e la porto SEMPRE con me. Anche viaggiando solo col bagaglio a mano: è sufficiente svuotarla prima dei controlli e riempirla alle fontanelle successive (o in bagno). Se considerate che l’aria all’interno dell’aereo tende a seccare la nostra pelle, infine, bere quanta più acqua possibile è un ottimo modo per non ritrovarsi completamente disidratati.


3- CREMA IDRATANTE – BURRO PER LE LABBRA
Collegandomi al punto precedente, uno stick di idratante (eventualmente indicato anche per le labbra) è una mano santa. Sempre per non eccedere nel acquisto e consumo di plastica inutile ho acquistato di recente dei barattolini riutilizzabili che possono contenere sino a 100 ml di liquido, perfetti per il trolley da cabina. Prima di partire per l’ennesimo viaggio, quindi, ne ho riempito uno con del burro di karité (indicato per corpo e labbra) e in caso di disidratazione della pelle ero preparata. 

4- TAPPI PER LE ORECCHIE
Mettiamoci il cuore in pace: le persone rumorose (esattamente come i bambini urlanti e sovreccitati) capitano ad ogni volo. Esattamente come i gruppi vacanze o le persone che russano, incuranti dei propri vicini. Un paio di tappi per le orecchie vi aiuteranno ad attutire i rumori molesti, decideste di voler chiudere gli occhi per un’oretta, oltre ad agevolare decollo e atterraggio, nel caso tendiate ad avere problemi alle orecchie in queste fasi del volo. E non occupano nemmeno tanto spazio… 😉

5- UN TELO MULTIUSO
Della serie: invenzioni delle quali non credevamo di aver bisogno sino al momento in cui non  le abbiamo provate. Esistono dei teli estremamente leggeri – chiamati da alcuni “asciugamani turchi” – che si prestano a tutta una serie di usi: telo mare, asciugamano, sciarpa oversize e coperta, principalmente. Averne uno con voi (indossato come sciarpa) vi permetterà di resistere stoicamente al clima spesso polare causato dall’aria condizionata, spesso usata malamente. 

2b- SNACK
Lo so: avevo detto CINQUE cose ma considerate questa aggiunta come una piccola parentesi che (volendo) potete scegliere di ignorare. In volo vengono offerti snack ipercalorici e nutrizionalmente sbilanciati al prezzo di una pepita d’oro. Perché non prepararvi un paio di snack da godere in faccia al vicino, che starà ruminando patatine invidioso? Da un sacchettino con un poco di frutta secca, alla frutta tagliata ad un paio di sandwich le possibilità sono tante, gustose, salutari e decisamente più economiche. 😉

Sapete qual’è però l’ingrediente principale per un volo ben riuscito? La PAZIENZA. Che lo vogliate o meno, ci sarà sempre qualcuno che parlerà a voce alta tutto il tempo, il sedile di fronte a voi potrà reclinasti quando meno ve lo aspettate e (ahimè) qualcuno con una concezione di igiene diversa dalla vostra. Invece di prendervela, prendete un bel respiro, chiudete gli occhi e concentratevi sulla meta, su quello che vedrete, sulle sensazioni che raccoglierete. Siate pazienti e vedrete che anche il volo più terribile di sempre impallidirà di fronte alla prospettiva di una nuova avventura. 

Buon viaggio..!


Nuovo su queste pagine? Seguimi su Bloglovin’ per non perderti nessun aggiornamento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.