Viaggiare negli anni Novanta

Erano viaggi semplici, quelli degli anni ’90. Spesso occorreva fare piccoli sacrifici e risparmiare un poco per volta, mettendo le monetine del resto in una bottiglia di plastica con su scritto “Loano 1996”. Erano viaggi fortemente voluti, desiderati a lungo e pieni di piccole e grandi scoperte, dove ogni metro percorso era pieno di misteri e ricordi. Erano viaggi il cui spirito, a volte, un poco mi manca: erano, infatti, viaggi innanzitutto del cuore ed è proprio nel cuore che ne conservo i ricordi più speciali.

Natale da expat: la gioia delle piccole cose

Anche quest anno, vuoi per scelta e vuoi per casualità, trascorrerò il Natale da sola in Germania. Invece di pianificare pause o organizzare voli, mi concederò qualche ora di relax e qualche coccola. Come sempre, ci sono aspetti positivi e aspetti negativi. Da un lato, infatti, evito costi assurdi, aeroporti affollati e corse all’ultimo treno. Dall’altro, però, non potrò abbracciare né amici, né famiglia, tanto meno tesori pelosi. E voi? Come trascorrete questo Natale?